BI Italia | Prato |

← Torna agli articoli

La donna della Libertà

BI Prato
Postato il: 10/11/17
Tempo di lettura: 3 minuti, 19 secondi


Roma ha il Colosseo, Parigi la Torre Eiffel, Londra il Big Ben. Sull'altra sponda dell'Atlantico, da oltre 130 anni una gigantesca statua femminile accoglie il visitatore: parliamo – lo avrete capito dal titolo - della Statue of Liberty di New York City.

Alta 93 metri e con un peso di ben 204 tonnellate, il monumento simbolo della città e forse degli interi Stati Uniti ha una storia suggestiva.

 

 

Prima, forse più nota ma non per questo ovvia, curiosità: la Statua della Libertà venne pensata come dono che la Francia destinò alla “sorella d'oltreoceano”: nel 1876, in occasione del centenario della Dichiarazione d'Indipendenza americana, lo scultore Frédéric Auguste Bartholdi venne incaricato di realizzare un monumento che omaggiasse gli Stati Uniti. La Francia, infatti, aveva contribuito in maniera sostanziale alla vittoria delle ex colonie inglesi e la creazione destinata agli Usa avrebbe dovuto ricordare la profonda amicizia tra i due Paesi. L'idea della donna che regge una torcia e un libro, su cui è incisa la data del 4 Luglio 1776, va invece attribuita all'intellettuale Édouard de Laboulaye, anche se c'è chi dice che la figura femminile sia stata ripresa dal quadro di Delacroix La libertà che guida il popolo, in cui una donna precede un gruppo di persone tenendo il braccio destro alzato.

 

 

Secondo elemento: al progetto di costruzione della statua contribuì anche Gustave Eiffel, padre dell'omonima torre parigina. L'ingegnere fu infatti contattato da Bartholdi per sovraintendere ai lavori di realizzazione dell'interna struttura portante del monumento.

 

 

Terza curiosità: la Statua non venne inviata dalla Francia già completa, ma divisa in 350 parti e spedita via mare. Solo una volta sul territorio di New York City, le parti furono assemblate.

 

 

Ultimo elemento – in apparenza ovvio: la figura femminile che sovrasta il porto di New York rappresenta Libertas, la dea romana della libertà. Non a caso, infatti, De Laboulaye scelse un simbolo che lodasse la libertà degli Stati Uniti, ma indirettamente anche la Francia, patria della libertà in Europa dopo la Rivoluzione. Il messaggio che la statua comunica è, d'altra parte, universale: non a caso, le sette punte della corona rappresentano i sette continenti e i sette oceani, a prova del valore universale del concetto di freedom.

A onor del vero, la “donna della Libertà” venne contestata dalla comunità afroamericana e dalle suffragette, poiché costituiva – a loro avviso – l'antitesi della realtà statunitense che a fine '800 era ancora segnata dal razzismo verso le persone di colore e dalla mancanza di una completa democrazia, non essendo ancora stato riconosciuto il diritto di voto alle donne.

 

 

Nonostante le critiche, comunque, la Statua della Libertà venne inaugurata il 28 Ottobre 1886, dieci anni dopo il centenario dell'Indipendenza. Oggigiorno è uno dei monumenti più visitati d'America e dal 1984 è stato riconosciuto come patrimonio dell'Unesco. Sulla placca in bronzo posta sul basamento che sorregge la statua, nel 1903 furono incisi i versi del sonetto The New Colossus della poetessa americana Emma Lazzarus, che ben sintetizzano il ruolo della “donna della Libertà”:

 

“Give me your tired, your poor,
Your Huddled masses yearning to breathe free,
The wretched refuse of your teeming shore.
Send these, the homeless, tempest-tost to me,
I lift my lamp beside the golden door!”

 

 

 

 

Alla prossima curiosità, con British Institutes Prato.

 

 

pexels-photo-356844

 

 

 

 

(Fonti: https://www.statueoflibertytickets.com/Statue-Of-Liberty/?show=history

          https://www.libertyellisfoundation.org/statue-history

         https://parade.com/311395/viannguyen/10-things-you-didnt-know-about-the-statue-of-liberty-she-was-almost-gold/

         http://www.telegraph.co.uk/travel/destinations/north-america/united-states/new-york/articles/statue-of-liberty-fascinating-facts/

        http://www.ohranger.com/statue-liberty/history-statue-liberty

        https://www.pexels.com/photo/america-ancient-architecture-art-356844/)

 






BRITISH INSTITUTES Prato

V.le della Repubblica, 82/84 - 59100 Prato (Po)

Tel 0574 571977 · E-Mail: prato@britishinstitutes.it
P.Iva 01856340979


Privacy Policy Cookie Policy

GET SOCIAL





BI Prato

Chiudi